Archivi categoria: Articoli

Dal sogno di stamattina

Scrivo un romanzo di un certo successo. A una presentazione vengo preceduto dall’intervento di due persone: la prima non la ricordo, la seconda è Marco Cappato. Elogia il gioco del ritmo narrativo, che incede come una continua costante accelerazione, fino ad arrivare al culmine per poi continuare oscillando lentamente. Poi chiude sottolineando la vena poetica “sentite cosa scrive” apre il libro verso le ultime venti pagine del libro e legge alla platea: “Te? La verità delle more.” E chiude così il suo intervento. Applausi a scena aperta. Mi alzo e indico i due presentatori che mi hanno preceduto, applaudendo a mia volta. Sono felice. Sto per iniziare la presentazione del libro. Mi sveglio.

La truffa dell’otto per mille

Non sei convinto che l’otto per mille sia una truffa a vantaggio della chiesa cattolica?

Immagina che la tua IRPEF da pagare per l’anno 2002 sia stata di 1.000 euro.

Te giustamente hai pensato “ora decido a chi devolvere 8 di questi 1.000 euro”.

Metti una croce, ad esempio, su “Chiesa evangelica valdese, Unione delle chiese valdesi e metodiste”.

Vuoi sapere che fine hanno fatto quei tuoi 8 euro? Tieniti forte…

Alla “Chiesa evangelica valdese”: 0,044 euro (sì, hai letto bene).

Alla “Chiesa cattolica”: 7,1328 (proprio così!).

Ti sei ripreso? Non è tutto.

Quanti sono stati i contribuenti che hanno espresso la scelta a favore della chiesa cattolica?: il 39,52% dei contribuenti (cioè solo il 35,24% della popolazione italiana).

Del complessivo gettito dell’otto per mille, cioè di circa 1.043 milioni di euro quanto è andato a finire nelle tasche della chiesa cattolica?: circa 930 milioni di euro, cioè l’89,16% dell’intero gettito.

Come è possibile? Semplice: il meccanismo è truffaldino, progettato ad hoc per ingannare gli italiani e favorire gli interessi di una chiesa che fa capo ad uno stato estero, il Vaticano.

Se vuoi saperne di più vai qui.

Sognando la California (in questo giorno d’inverno)

Tutte le foglie sono appassite e il cielo è grigio
Sono andato a camminare in un giorno d’inverno
Sarei al sicuro e al caldo se fossi a Los Angeles
Sognando la California in questo giorno d’inverno

Mi fermai davanti a una chiesa che incontrai lungo la strada
Beh, mi inginocchiai e finsi di pregare
Sapete, al predicatore piaceva il freddo
Sa che io sto
Sognando la California in questo giorno d’inverno

Tutte le foglie sono appassite e il cielo è grigio
Sono andato a camminare in un giorno d’inverno
Se non glielo avessi detto potrei partire oggi
Sognando la California in questo giorno d’inverno
Sognando la California in questo giorno d’inverno
Sognando la California in questo giorno d’inverno

Sconcerto

Apprendo con sconcerto del suo disegno di legge per tappare la bocca al popolo italiano che, liberamente, come in ogni paese democratico occidentale (e non solo), può pubblicare in piena autonomia su Internet ciò che vuole, nel rispetto delle leggi vigenti.

Se il suo folle disegno di legge dovesse essere approvato un intero popolo pubblicherà all’estero ciò che è considerato ostile dal potere politico italiano.

È per le idee come le sue e dei suoi amici che noi italiani ci vergogniamo di essere italiani davanti al mondo civile, davanti a quel mondo che fa della libertà degli individui e della libertà d’espressione i principi irrinunciabili da cui scaturiscono le leggi e gli ordinamenti.

Ma non vi vergognate mai quando vi guardate allo specchio? Un po’ di decenza, per cortesia.

Paolo Campanelli

(mail inviata il 20 ottobre 2007 a Ricardo Franco Levi, braccio destro di Prodi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e autore del testo del DDL approvato il 12 ottobre in Consiglio dei Ministri)

Un deputato su tre fa uso certo di droghe

Un deputato su tre ha fatto uso di droghe negli ultimi tre giorni: questo risulta dal prelievo, fatto con mezzi attendibili al 100%, dalle Iene.

Condiderazione 1: se si potesse retrocedere a un mese la possibilità di rilevazione delll’uso degli stupefacenti rispetto alla data del test la statistica probabilmente salirebbe intorno al 60%.

Considerazione 2: se si includessero i vari antidepresivi, stimolanti, alcolici ecc., insomma le droghe legali (ma non per questo meno dannose, anzi), la percentuale si attesterebbe intorno al 100%.

Conclusione: si sapeva già. Ed è la fotografia esatta del paese. Un popolo di ipocriti governato da ipocriti.