La ricorrenza chiave nella storia d’Italia è l’unica che non viene commemorata

Venti Settembre

Il 20 settembre 1870 i bersaglieri del Regno d’Italia, attraverso una breccia a Porta Pia, entrarono in Roma, allora capitale dello Stato Pontificio. Con la caduta del papa-re si completava così lo sforzo risorgimentale di unificazione della nazione. Potrebbe apparire superfluo ricordare questi avvenimenti, ma abbiamo avuto ormai modo di constatare innumerevoli volte che nel paese, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, la memoria di questo evento si è persa. La festività civile del Venti Settembre fu abolita nel 1930 dal regime fascista, e i successivi cinquant’anni di egemonia democristiana hanno dato il colpo di grazia alla memoria storica. L’UAAR ritiene che questa ricorrenza debba tornare ad avere l’importanza che aveva in passato, e non per un mero rigurgito anticlericale di stampo ottocentesco. No: il Venti Settembre rappresenta il compimento dell’azione risorgimentale, la concessione dei diritti civili ai non cattolici, la fine del potere temporale del clero e l’inizio di un percorso di laicità che, ovviamente, è ancora ben lontano dall’essere terminato. Ricordare queste conquiste è fondamentale, ed è questo il motivo per cui i circoli UAAR saranno presenti alle celebrazioni ufficiali (purtroppo poche): laddove le amministrazioni comunali si sono disinteressate della ricorrenza, diversi circoli UAAR hanno organizzato conferenze e momenti di informazione e sensibilizzazione. Non è molto, di fronte all’entità dello sforzo da compiere: ma è l’ennesimo, piccolo passo avanti nella rivendicazione della laicità delle istituzioni.

(Fonte: sito dell’UAAR)